L’inter corre veloce verso l’Asia: nuova partnership regionale in Cina con SWM Motors

Corre veloce l’Inter verso la Cina, dove stamane, a Chonging, ha siglato una partnership regionale con Swm Motors.

A presenziare alla sigla dell’accordo, per i nerazzurri, c’era un inedito trio: il Chief Revenue Officer (C.R.O.), Michael Gandler, il responsabile delle partnership ,Giorgio Brambilla e Marco Materazzi per la prima volta a rappresentare il club al posto del Vice-Presidente Zanetti.

Playmobil // #swm #china #chongqing #mrgong #suning #inter ⚫️🔵

A post shared by Marco Materazzi (@iomatrix23) on

L’oggetto dell’accordo prevede l’utilizzo, da parte dello staff e dei giocatori nerazzurri, del modello X7 di SWM quando questi si troveranno in Cina, cosa che avverrà il prossimo 24 Luglio, per disputare il derby amichevole durante la ICC.

 

L’accordo è stato stipulato secondo il negozio della partnership regionale, un modello di sponsorizzazione che ha caratterizzato l’exploit di ricavi della Juventus negli ultimi anni, e le squadre di Premier League.

La tipicità di questo tipo di contratto prevede l’espletamento del suo oggetto solo in certe aree geografiche, quindi differisce di molto da accordi di partenariato sportivo come quelli globali, come nel caso di Nike per i nerazzurri, per fare un esempio pratico.

Pare che, grazie all’avvento di Suning nella maggioranza del club meneghino, l’appeal dei nerazzurri in Cina abbia raggiunto un picco storico, sebbene il sodalizio interista (fondato il 9 Marzo 1908) sia stato il primo a penetrare il mercato cinese nel lontano 1978 (grazie all’organizzazione di due o più amichevoli sotto forma di tournée, che hanno portato la compagine nerazzurra nella disponibilità del pubblico cinese).

LEGGI ORA: L’INTER HA 106 MILIONI DI FAN IN CINA

Durante la cerimonia, Marco Materazzi ha autografato la prima e unica vettura SMW X7 a marchio Inter.

Dal punto di vista del marketing e della comunicazione, pare interessantissimo come le squadre italiane stiano guardando con interesse a penetrare il mercato cinese, e, l’acquisizione da parte di una cordata della stessa provenienza geografica, per l’ A.C. Milan, non può che giovare a tutto il movimento calcistico italiano.

La crescita della fan base da parte delle squadre europee non può che avvenire in paesi emergenti, dove il calcio, al momento, non è lo sport nazionale, come la Cina o l’indonesia, dove la domanda di calcio, in tutte le sue forme, è crescente e non ancora soddisfatta.

 

Commenta qui

Alessio Fasano

29 anni, Blogger e Social media manager. Scrivo di marketing dello sport, social media e advertising. Lavoro con le mie passioni e non mi prendo troppo sul serio.

Lascia un commento