Engagement sportivo sui social: la presentazione dei kit da gioco su Facebook

Mancano meno di sessanta giorni all’inizio della Serie A 2016-2017, ma la serie A dell’ engagement sui social network non va mai in vacanza.In merito ai social network e alla social-presenza delle squadre del massimo campionato italiano, i cui presidi ufficiali hanno sostituito in toto i canali tematici, abbiamo notato come a parità di post, orario e contenuto, pagine ufficiali di club con differente portata di gradimento (il numero dei “mi piace”) i livelli d engagement non siano assolutamente correlati.

Il caso concreto si è verificato ieri (Mercoledì 6 Luglio, n.d.r.) ove tre delle grandi di Serie A: Juventus, Roma e Inter, ordinate in base al numero dei “mi piace” sulla pagina, abbiano affidato a Facebook la presentazione ufficiale della divisa da gioco del prossimo anno, mandando in soffitta la “canonica” conferenza stampa, usata anni addietro per questo particolare momento della vita del club.

Creare interesse attraverso i social è il primo passo per aumentare le entrate da merchandising per un club sportivo ai tempi dei social network

La modalità usata dalle tre squadre è stata la medesima: un post alle 10 di mattina contenente una foto che inquadrasse bene la nuova divisa da gioco, qualche hashtag e il link al post sul sito internet della squadra.

Vediamo i post nel dettaglio:

Juventus

  • Mi piace pagina 24.000.000 (circa)
  • Engagement sul post 8881

Roma

  • Mi piace pagina 7.865.000 (circa)
  • Engagement sul post 16715

Inter

  • Mi piace pagina 5.895.000 (circa)
  • Engagement sul post 42.600

Sebbene il tipo di post sia identico, a vantaggio dei bianconeri vi sono il quadruplo dei “mi piace” sulla pagina, quindi una fan-base di partenza superiore rispetto alle due concorrenti, e la presenza del beniamino di casa nella foto.

Nonostante tutte le assunzioni iniziali, e la minor portata di gradimento della pagina dell’Inter, i neroazzurri hanno ottenuto un engagement quasi tre volte superiore a quello della Roma, e 5 volte superiore a quello dello Juventus, dato che testimonia ancora una volta come la portata di una pagina non sia un sicuro fattore di engagement di una pagina Facebook, ma che il contenuto e il modo di raccontare “una storia” facciano tutta la differenza del mondo.

Sarà che in virtù del recente cambio di proprietà in casa Inter l’Hype attorno alla squadra sia maggiore, o che semplicemente la maglia esuli di molto dalla tradizione del club, ma a parità di condizioni iniziali, il “social-profitto” di un’interazione cruciale club-tifoso se l’aggiudicano i neroazzurri, che dovranno essere altrettanto bravi a convertire l’attenzione e l’interesse creati, nel desiderio di far passare i social-tifosi all’atto di acquisto, tramite l’e-commerce co-gestito con Nike.

Commenta qui

Alessio Fasano

29 anni, Blogger e Social media manager. Scrivo di marketing dello sport, social media e advertising. Lavoro con le mie passioni e non mi prendo troppo sul serio.

Lascia un commento