Caffedì: McDonald’s usa l’influencer marketing per svegliarci tutti

Ogni primo lunedì del mese McDonald’s l’ha chiamato caffedì e per comunicarlo sui social ha fatto Influencer marketing.

La strategia adottata è basata sull’erogazione del caffè gratis ogni primo lunedì del mese nei ristoranti McDonald’s, ed è iniziata il primo lunedì di Novembre, fornendo uno stimolo in più ai consumatori per visitare i ristoranti della nota catena americana.

McDonald’s nello strutturare la campagna si è avvalsa di un strategia visual a due vie: Il film tv di 60″ e l’Influencer marketing, ingaggiando 3 Instagrammer di successo.

Il contenuto è stato curato sui social attraverso la creazione di un hashtag dedicato (#caffedì appunto) e di un contenuto visuale curato su Instagram, grazie ad un sagace utilizzo della leva dell’Influencer marketing. Nel caso specifico la catena famosa per il Big Mac, ha affidato a 3 Instagrammer di successo la pubblicazione di una foto a tema libero, dove, come unica consegna avrebbero dovuto mostrare la tazzina marchiata ” caffedì ” identificativa della campagna. Il contenuto visuale-libero, ha permesso ai tre creativi di dare libero sfogo alla lora verve.

L’influencer marketing è una leva di marketing sofisticata, che ha avuto la sua prima manifestazione negli Stati Uniti  nel 2012. Instagram è la rete naturale dove gli influencer abitano e dove si assiste ogni giorno a tipi di pubblicità dove il prodotto è parte del contenuto, non viceversa. In Italia solo nell’ultimo anno qualcosa comincia a muoversi.

L’influencer marketing è quella tecnica di marketing che prevede l’utilizzo di individui che attraverso il passaparola e le condivisione di contenuti di valore sono diventati dei “personaggi” con un certo seguito sui social network, in grado di raccomandare determinati prodotti o servizi al “pubblico”, ovvero ai loro “seguaci” sulle reti sociali.

I primi contenuti su Instagram curati per il caffedì, sono state le foto pubblicate dai tre “”Instagrammer-influencer” nei due giorni di attivazione della campagna: Lunedì 7 NovembreLunedì 5 Dicembre. Gli Instagrammer incaricati da mcDonald’s di “ambasciare” il caffedì sono: Nicola Carmignani, Marko Morciano e Matteo Acitelli.

Caffedì 7 Novembre

@nicolacarmignani

@markomorciano

{Coffee} • Oggi vi do il buongiorno così 😌 con una grande novità! Il #Caffedì è un nuovo giorno della settimana, in cui McDonald’s offre ai suoi clienti una sorpresa. Ogni primo lunedì del mese caffè gratis per tutti 😍☕️😍😱 non so se rendo l’idea, anche se è lunedì mattina e, per l’appunto, oggi è il primo lunedì del mese! Quindi correte a prendere il vostro caffè offerto da @mcdonaldsitalia ☕️🏃🏻condividete e caricatevi per affrontare una nuova settimana! Io inizio così 😌💪🏻 ______________ #yum #vsco #onthetable #verilymoment #foodphotography #coffeeandseasons #coffee #cupinframe #ig_coffee #tv_living #dailycortado #vscocoffee #withthetable #instacoffeetime #coffeeoftheday #instacoffee #coffeelover #coffestagram #coffeelovers #coffeeaddicted #cafe #coffeeholic #oldharry #tv_stilllife #folkmagazine #colazioneitaliana #breakfast #traveltheworld #travel

A photo posted by Instagram | Marko Morciano △ (@markomorciano) on

@matteoacitelli

i contenuti sui social media chiedono il permesso ai consumatori prima di interromperli (permission marketing), rispetto al vecchio modello di marketing più comune ai media generalisti come radio, TV e stampa, dove la fruizione del contenuto viene interrotta dalla pubblicità (interruption marketing)

Caffedì 5 Dicembre

 

@nicolacarmignani

@markomorciano

{Monday} • Di rientro nella mia amata città, dopo un fine settimana intenso in quel di Napoli e Procida ⛵️ Oggi è lunedì, anzi no, è #caffedì, il mio giorno preferito del mese 😌☕️ Grazie al mio lavoro posso rendere il lunedì differente, scegliere di ritagliarmi del tempo per godermi il caffè e leggere qualche pagina di un romanzo iniziato poche settimane fa. Un motivo in più per amare il lunedì. Io inizio la mia settimana così. E voi? ☕️😍 Buon caffedì // @mcdonaldsitalia ________________________ #IAmATraveler #italy #AwesomeEarth #BestVacations #EarthFocus #BeautifulMatters #Earthpix #PassionPassport #Exklusive_Shot #CNTraveler #AGameOfTones #BeautifulDestinations #AwesomePix #TravelAwesome #DiscoverGlobe #Discover_Vacations #BestDiscovery #TravellingThroughTheWorld #Coffee #Places_Wow #Instatravel #NatGeo #TopEuropePhotos #Wonderful_Places #MyTinyAtlas #ArtOfVisuals #GuardianTravelSnaps #rome #colosseum

A photo posted by Instagram | Marko Morciano △ (@markomorciano) on

@matteoacitelli

Quelli sopra riportati sono i 6 post della campagna, i quali hanno permesso di incentivare le conversazioni delle reti sociali attorno al #caffedì. Ad oggi su Instagram sono ben 373 i post relativi a caffedì, dove sono riportati i contenuti degli influencer assieme a quelli degli utenti, democrazia tipica da social media. Questo tipo di tecnica di fare marketing tramite gli “amici” che ognuno di noi ha sui social, riscuote un crescente favore da parte dei potenziali acquirenti dei brand di largo consumo anno dopo anno, secondo le ricerche effettuate da Edelman.

Secondo una ricerca condotta da Edelman Barometer (il massimo organismo che misura l’influenza nei processi d’acquisto), la percentuale di persone che si fidano dei pareri di parenti e amici per prendere decisioni d’acquisto è del 78% nel 2016, rispetto al 67% dell’anno precedente. In un contesto di mercato dove sempre meno persone ricordano l’ultimo messaggio pubblicitario dal quale sono stati “bombardati” l’ultima volta intentato alla vendita (circa il 14%),  il 75% degli intervistati nel 2015 sempre secondo Edelman, si affidano al parere degli Influncer nel momento della verità, ovvero quello che nel processo d’acquisto di un individuo precede la decisione d’acquisto, preferendo un messaggio sussurrato dagli influencer, dove il prodotto è parte del contenuto e non protagonista.

Un nuovo approccio di marketing è in atto ormai. Esso è partito dai modelli di comportamento e consumo che le persone hanno sui social.

Partendo da questa assunzione possiamo rilevare che le pubblicità oggi  diventano contenuti firmati dai brand e questi chiedono il permesso ai consumatori  sulle reti sociali (permission marketing), rispetto al vecchio modello di marketing del rumore più comune ai media generalisti come radio, TV e stampa, dove la fruizione del contenuto viene interrotta dalla pubblicità non targettizzata e non richiesta, con il risultato di dilapidare budget pubblicitari ingenti a bassissimo ROI e perdere la battaglia dell’attenzione nei confronti dei consumatori.

Per approfondimenti si consiglia questo articolo, che tratta i guadagni degli influencer  e questo manuale sull’Influencer marketing .

Se l’articolo ti è piaciuto fallo sapere prima a tutti i tuoi amici con una condivisione!

Commenta qui

Alessio Fasano

29 anni, Blogger e Social media manager. Scrivo di marketing dello sport, social media e advertising. Lavoro con le mie passioni e non mi prendo troppo sul serio.

Lascia un commento